View basket “Alfabeto” has been added to your basket.

Odio gli indifferenti

“Vivo, sono partigiano. Perciò odio chi non parteggia. Odio gli indifferenti”.

Per il manifesto della Festa della Liberazione di quest’anno ho deciso di prendere in prestito le parole di Antonio Gramsci. Gli indifferenti sono intorno a noi. Sono quelli che si voltano dall’altra parte, che sorvolano, che “tanto non mi riguarda”, che lasciano uomini, donne e bambini in balia del mare. Sono quelli del “se l’è cercata vestita così” e di tantissimi altri casi che poco hanno a che fare con il concetto di “società civile”.

Il messaggio d’amore lasciatoci in eredità dai partigiani non deve esser dimenticato. Per questo è necessario ricordare ogni anno il 25 Aprile; perché l’essere umano in certe occasioni sembra non aver capito la lezione. La libertà è un’idea concreta, semplice e al tempo stesso fragilissima. Va preservata, difesa, cullata. Perché la storia, per chi ancora non l’avesse capito, siamo noi.

“…Chi vive veramente non può non essere cittadino e parteggiare. Indifferenza è abulia, è parassitismo, è vigliaccheria, non è vita. Perciò odio gli indifferenti”. Antonio Gramsci, 11 febbraio 1917

N.B. Ogni copia è inchiostrata e stampata manualmente, perciò tra la foto che vedi e la copia che riceverai, potrebbero esserci delle piccole differenze di inchiostrazione. Cornice non inclusa nel prezzo. Per aggiungerla scrivimi a info@latipografatoscana.it

Dimensione: 25x50 cm
Carta: Fedrigoni Materica Gesso 180 gr
Caratteri utilizzati: Aurora (legno) + Landi (piombo)
Tiratura: 52

5 in stock

70,00

- +
I prezzi non sono soggetti a IVA.